• VERSIONE COMPLETA PER 15 GIORNI
  • ASSISTENZA E AGGIORNAMENTI GRATUITI

Diritto Camerale 2018: prima scadenza al 2 luglio

Diritto Camerale 2018: prima scadenza al 2 luglio

Il protocollo n. 26505 del 16 gennaio 2018 del Ministero dello Sviluppo Economico ha stabilito gli importi dovuti per il pagamento del diritto annuale 2018. Tali importi si confermano essere ridotti del 50% così come stabilito dal D.L. 90/2014.

Nel documento è indicato che “…nel processo di riordino che sta interessando le camere di commercio e nella considerazione che la variazione del fabbisogno è irrilevante ai fini della determinazione del diritto annuale 2018, si è ritenuto non necessario l’aggiornamento degli importi dovuti con un nuovo decreto…”

Importi Diritto Annuale 2018

Diritto Camerale 2018: prima scadenza al 2 luglio - 1

Gli importi riportati nello schema sono già ridotti del 50%.

DIRITTO ANNUALE IN BASE AL FATTURATO

Le imprese tenute al versamento del diritto annuale commisurato al fatturato devono applicare al fatturato 2017 le aliquote definite con il decreto interministeriale 21 aprile 2011; gli importi così determinati dovranno essere ridotti del 50%.

Diritto Camerale 2018: prima scadenza al 2 luglio - 2

Maggiorazioni 2018

Dal 2017 per definire le maggiorazioni del diritto annuale non è sufficiente la semplice delibera camerale ma è necessaria l’approvazione con decreto ministeriale.

Il decreto ministeriale del 22/05/2017 ha autorizzato l’applicazione della maggiorazione del diritto annuale, per le annualità 2017 – 2018 – 2019 a 79 camere di commercio.

Il decreto del 2 marzo 2018 ha autorizzato altre 9 camere di commercio all’applicazione della maggiorazione del diritto annuale per le annualità 2018 e 2019.

Le camere di commercio indicate nel decreto del 2 marzo sono Arezzo, Lucca, Maremma e Tirreno, Massa Carrara, Palermo Enna, Pisa, Pistoia, Prato e Siena.

Termine di versamento

Il diritto annuale deve essere versato in unica soluzione entro il termine per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

Il termine per il versamento del primo acconto delle imposte sui redditi è il 30 giugno, spostato al 2 luglio poiché la scadenza originaria cade di sabato.

Per le società il termine di versamento del diritto annuale dipende dal termine di approvazione del bilancio d’esercizio:

  • per le società che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio il diritto annuale deve essere versato entro l’ultimo giorno del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta.
  • per le società che approvano il bilancio entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio il diritto annuale deve essere versato entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di approvazione del bilancio.

Modalità di versamento

Il pagamento del diritto annuale deve avvenire tramite modello F24 telematico, compilando la sezione “Imu e altri tributi locali” con le seguenti informazioni:

  • codice ente: sigla della Provincia della Camera di Commercio cui il pagamento è indirizzato
  • codice tributo: codice 3850
  • anno riferimento: anno 2018

Diritto annuale Camera di Commercio nel software GB

La gestione del diritto camerale è disponibile in:

  • Contabilità 2018, Bilancio, “Diritto Camerale”

Diritto Camerale 2018: prima scadenza al 2 luglio - 3

Per maggiori informazioni si rimanda alla guida on-line.

 

CB101 – TM/5

Metti in pratica la news che hai letto: scarica Contabilità GB!

  • VERSIONE COMPLETA PER 15 GIORNI
  • ASSISTENZA DIRETTA DALLA CASA MADRE
  • PRESENTAZIONE PERSONALIZZATA
  • WEBINAR FORMATIVI
Simple Share Buttons