• VERSIONE COMPLETA PER 15 GIORNI
  • ASSISTENZA E AGGIORNAMENTI GRATUITI

Dichiarazioni d’Intento Ricevute: Registrazione delle Operazioni!

Gli operatori economici che vendono beni e/o forniscono servizi agli esportatori abituali emettono la fattura, dopo aver ricevuto la dichiarazione d’intento, senza addebitare l’imposta richiamando l’articolo del DPR 633/72 di riferimento.

Chi sono gli esportatori abituali?

Gli esportatori abituali sono coloro che nell’anno solare precedente o nei 12 mesi precedenti hanno effettuato esportazioni ed altre operazioni assimilate per un ammontare superiore al 10% del volume d’affari conseguito nello stesso periodo.

Questi soggetti, per evitare di trovarsi in una situazione creditoria continua, possono beneficiare al ricorrere di determinate condizioni, della fatturazione da parte dei propri fornitori senza l’addebito dell’Iva.

Per beneficiare della non applicazione dell’imposta l’esportatore abituale deve inviare ai propri fornitori una comunicazione, definita “Dichiarazione d’intento”, redatta secondo il modello allegato al DM 06/12/1986, specificando l’articolo del DPR 633/72 secondo cui intende acquistare con il titolo di non imponibilità:

Che cosa deve fare chi riceve la dichiarazione d’intento?

I fornitori degli esportati abituali che ricevono la dichiarazione d’intento devono fatturare le operazioni non applicando l’imposta e richiamando l’articolo del DPR di riferimento, annotare la dichiarazione d’intento ricevuta in apposito registro o in apposita sezione del registro Iva vendite e comunicare i dati della dichiarazione ricevuta entro il termine di effettuazione della prima liquidazione periodica IVA, mensile o trimestrale, nella quale confluiscono le operazioni realizzate senza applicazione dell’imposta.

La comunicazione dei dati contenuti nelle dichiarazioni d’intento ricevute deve essere effettuata esclusivamente per via telematica.

Con quale causale Iva devono essere registrate le operazioni fatturate a esportatori abituali?

Le operazioni effettuate nei confronti di esportatori abituali possono essere non imponibili a norma dell’art.8, co.2, dell’art. 8-bis co.2 e dell’art. 9, co.2 e per ognuno di questi articoli è presente una specifica causale Iva:

N8C – Non Imponibile Art.8 Let.C


N8BC – Non imp. art.8 bis DPR 633/72 – esp.abit

N9C – Non Imp. Art.9 DPR 633/72 – esp.abit.

Dove sono riportate, nella dichiarazione Iva, le operazioni fatturate a esportatori abituali?

Le operazioni fatturate nei confronti di esportatori abituali sono riportate nel rigo VE31 – Operazioni non imponibili a seguito di dichiarazione d’intento della dichiarazione Iva.

Registrazione di primanota

 

Riporto dati su dichiarazione Iva

* I riferimenti alla dichiarazione Iva sono effettuati in base ai modelli attualmente utilizzabili, relativi all’anno d’imposta 2012.

CB101 – TM/24

Metti in pratica la news che hai letto: scarica Contabilità GB!

  • VERSIONE COMPLETA PER 15 GIORNI
  • ASSISTENZA DIRETTA DALLA CASA MADRE
  • PRESENTAZIONE PERSONALIZZATA
  • WEBINAR FORMATIVI
Simple Share Buttons