• VERSIONE COMPLETA PER 15 GIORNI
  • ASSISTENZA E AGGIORNAMENTI GRATUITI

Ratei e Risconti in GB: Imprese Semplificate!

La gestione del calcolo del rateo o del risconto per le imprese semplificate in Contabilità GB avviene direttamente in Prima Nota in fase di rilevazione di un costo/ricavo. Di seguito vedremo le particolarità che, in relazione alla rilevazione dei ratei e risconti, distinguono questo regime dagli altri.

Relativamente alle imprese in Ordinaria, i “Ratei e Risconti” vengono gestiti nelle modalità descritte nella Newsletter del 17/11/2014 “Ratei e Risconti in GB: Imprese Ordinarie!”: ma Contabilità GB permette anche di calcolare e registrare a 360° i Ratei e Risconti per le Imprese in Semplificata.  

Come nella precedente comunicazione, ricordiamo che:

I ratei sono quote di entrate o di uscite future, relative a rendite e spese già maturate, che avranno la loro manifestazione numeraria nel prossimo esercizio.

I risconti sono quote di costi o di ricavi non ancora maturate che hanno già avuto la loro manifestazione numeraria.

Ratei e Risconti in Contabilità GB per le Imprese in Semplificata…

Anche per le Imprese in Semplificata, regime contabile “2 – 32”, alla gestione dei “Ratei e Risconti” si accede da

Contabilità

Prima Nota

Registrazione Prima Nota

TASTO FUNZIONE “F6” nella riga relativa al codice conto costo/ricavo

Come per le imprese in Ordinaria, in fase di registrazione di una fattura di acquisto nell’anno 20XX, per attivare la gestione del “Risconto Attivo”, occorre collocarsi nella sezione “Registrazione Contabile” nella riga del costo e cliccare il Tasto Funzione “F6”.

In automatico, si accede alla gestione “Ratei e Risconti” dove sono riportati i dati della registrazione originaria. L’utente compila il periodo di competenza “Dal” “Al” e la procedura:

esegue il calcolo;

stabilisce il tipo di rateo o risconto, tra attivo o passivo;

inserisce il conto in cui registrare la quota del rateo/risconto (conto modificabile).

Nelle imprese Ordinarie la rilevazione del rateo/risconto viene creata con una registrazione Non Iva, invece per le imprese in Semplificata, dovendo annotare tutti i costi e ricavi nei Registri Iva, la registrazione avviene direttamente nel Registro Iva Acquisti per i Costi e nel Registro Iva Vendite per i Ricavi.

Esempio pratico

Costo assicurazione automezzo rilevato in data 31/01/2014 per € 545,00 – competenza dal 05/10/2013 al 04/03/2014. Indicando le date nella gestione dei “Ratei e Risconti”, il software inserisce la tipologia “RATEO PASSIVO”.

 Prima di salvare i dati inseriti nel prospetto, per le imprese in contabilità semplificata è necessario verificare o modificare il Registro Iva in cui deve confluire la registrazione della quota di rateo/risconto nell’anno precedente.

Confermato il registro Iva, al salvataggio della gestione:

se la contabilità dell’anno precedente è abilitata, in automatico sarà eseguita la registrazione;

  se la contabilità dell’anno precedente non è abilitata, la registrazione sarà parcheggiata nel prospetto dei Ratei e Risconti finché non sarà aperta la Contabilità.

La registrazione che viene creata in automatico nel registro Iva Acquisti è cosi strutturata:

Data registrazione: 31/12/2013

Causale contabile: AL04 – Rilevazione Costi (+)

Numero documento: Rateo Pass.

Data documento: 31/12/2013

Fornitore: 41GBRIRA – Risconti e Ratei

Importo: € 316,10

Causale Iva: “0 – Fuori campo Iva”

Conto: “60822 – Assicurazioni Automezzi 100%”

Nell’esempio, la procedura esegue la rilevazione del costo al conto 60822

Nella sezione “Registrazione in Contabilità”, in automatico sarà modificata la registrazione che ha dato luogo alla rilevazione del rateo passivo con i dati salvati all’interno della “Gestione Ratei e Risconti” (ripartizione tra importo costo e conto rateo passivo).

In queste prime note create è sempre presente la combo per la visualizzazione delle registrazioni collegate.

Nell’anno precedente, è possibile visualizzare la prima nota Iva prodotta al 31/12/2013 cliccando nella combo “Registrazioni collegate”, posta nella prima nota originaria.

Nelle registrazioni dei ratei/risconti che sono eseguite in automatico, varia solamente la causale contabile che può essere:

AL04: in caso di ratei passivi e risconti attivi positivi;

AL05: in caso di ratei passivi e risconti attivi negativi;

AL06: in caso di ratei attivi e risconti passivi positivi;

AL07: in caso di ratei attivi e risconti passivi negativi;

e la data di registrazione nel caso di risconto attivo e passivo, in quanto sarà la prima disponibile in progressione con le registrazioni presenti nel registro iva acquisti/vendite.

Per il registro Iva in semplificato, in fase di creazione della registrazione del rateo/risconto sono eseguiti dei controlli:

  1. salvataggio della liquidazione iva del periodo in cui deve confluire la registrazione creata in automatico;
  2. stampa definitiva del relativo registro iva in cui deve confluire la registrazione;
  3. applicazione Contabilità e Bilancio non abilitata.

In questi casi la rilevazione sarà trattata rispettivamente nel seguente modo:

  1. imputando l’importo, relativo al rateo attivo rilevato, al conto 74101;
  2. imputando l’importo, relativo al rateo passivo rilevato, al conto 63222;
  3. facendo confluire l’importo, relativo al risconto attivo o risconto passivo, al prospetto riepilogativo Ratei e Risconti dove resterà in attesa della registrazione.

Nelle prossime comunicazioni saranno trattati analiticamente il prospetto di “Riepilogo dei Ratei e Risconti”, la modifica e l’eliminazione di un Rateo e Risconto.

Ti ricordiamo che puoi trovare altre informazioni sul funzionamento e sull’operatività della gestione nella relativa guida on-line.

CB101- FSA/20

Metti in pratica la news che hai letto: scarica Contabilità GB!

  • VERSIONE COMPLETA PER 15 GIORNI
  • ASSISTENZA DIRETTA DALLA CASA MADRE
  • PRESENTAZIONE PERSONALIZZATA
  • WEBINAR FORMATIVI
Simple Share Buttons